Il bisogno di esplorazione infantile si manifesta come vera e propria “fame intellettuale” di cultura, sostenuta dalla potenza dell’immaginazione